Morso da un topo, la corsa contro il tempo per trovare l’antitodo

Morso da un topo: corsa contro il tempo per trovare l’antidoto contro la rabbia, che da Pesaro deve fare un viaggio lampo fino a Jesi: c’è un arco di ore molto ristretto dopo il moroso perché il medicinale possa essere attivo. E’ stato morso da un ratto e si è subito recato in pronto soccorso.

E’ accaduto nei giorni scorsi all’ospedale di Jesi dove il paziente si è presentato per ricevere le cure necessarie ed evitare di contrarre la rabbia. E’ stata quindi contattata la farmacia dell’ Azienda Ospedaliera  Marche Nord di Pesaro in quanto, dopo una ricerca tra gli ospedali regionali, Marche Nord  è risultato l’unico polo in possesso dell’antidoto, di difficile  reperibilità  e  non  disponibile in Italia, importato dall’estero solo dopo aver  ottenuto una specifica  autorizzazione dall’ente regolatorio nazionale.  La farmacista di turno, una volta verificata la disponibilità, ha autorizzato il trasferimento del farmaco all’Ospedale di Jesi. Al paziente sono state quindi somministrate due fiale di immunoglobulina umana antirabbia, che per essere efficace dovrebbe essere utilizzato  entro 4-6 ore dal morso.  (Corriere Adriatico)

Lascia un commento