Tutte le Notizie

Un volo di dieci metri dalla finestra di casa le costò la vita. Erano le 8 di mattina del 23 marzo 2013 e in un appartamento di Largo Europa, a Jesi, andò in scena una tragedia che fu subito classificata come suicidio. Per gli inquirenti, la depressione aveva portato la 42enne L.C. alla morte. Ora, a più di tre anni dalla tragedia, la procura riapre clamorosamente il caso, dando vita a nuove indagini su un’inchiesta chiusa forse troppo presto. Il pm Andrea Laurino si è già messo in moto. Ieri, i carabinieri di Jesi supportati dal reparto scientifico hanno effettuato un sopralluogo nella casa rimasta chiusa dal giorno in cui si è consumato il dramma.

I militari hanno eseguito tutti i rilievi necessari per cercare di fare chiarezza e capire cosa realmente sia successo quella mattina. E di fatto, si sa davvero poco.Nell’appartamento erano presenti Laura e suo figlio, allora 16enne. Lui stava ancora dormendo, in attesa di andare a scuola. Lei si stava preparando per raggiungere la banca dove lavorava. Prima di uscire di casa, qualcosa è andato storto. Secondo le prime indagini, la donna si era sporta dalla finestra del bagno con l’intenzione di farla finita. Dopo essere salita sul davanzale, cadde nel vuoto per dieci metri. Poi, il tonfo a terra, sull’asfalto. Era stata ritrovata in condizioni gravissime, ma ancora viva. La donna morì in ospedale verso le 17. In casa non fu trovato nessun biglietto che potesse spiegare l’estremo gesto. Molto strano per una donna che voleva porre fine alla sua vita e che doveva rendere conto a un figlio adolescente. La teoria della depressione non ha mai convinto i genitori della donna che si sono affidati all’avvocato Marina Magistrelli per chiarire i tanti punti oscuri attorno alla vicenda. Tra questi, la modalità della caduta della 42enne. Il medico legale Loredana Buscemi, consulente della famiglia della vittima, ha avanzato nella sua perizia dei dubbi sulle modalità con cui l’impiegata è precipitata a terra. Modalità che potrebbero non essere compatibili con il suicidio. Forse, non ha fatto tutto da sola. Forse, c’era qualcuno che l’ha indotta a buttarsi o, peggio, qualcuno che l’ha spinta oltre la finestra. Sono tutti quesiti su cui la procura dovrà fare chiarezza e che potrebbero far assumere al caso la forma dell'omicidio.
Fonte Il Messaggero

 

 

Disclaimer

Questo SITO non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo al 339.666.60.70 Saranno immediatamente rimossi.

D2R PLAYER

SHOUTCAST RADIO
RADIO SIBILLA
DISCOVERY 2 RADIO

CRT CASTELLANO

CRT RADIO LUNAROSSA

LAIKA 2 RADIO
CREATIVE COMMONS MUSIC
Scienza, Spazio,
Informazione, Tecnologia, Gruppo WHATSAPP 340.666.74.51

 
 

Segnalazioni


Siamo raggiungibili su WhatsAPP al numero 340.666.74.51 

Chi c'è online

Abbiamo 149 visitatori e nessun utente online

NOSTRI AMICI

DEDICATO AD ANGELO


Questo è il cane bellissimo Angelo, impiccato e preso a mazzate da 4 balordi in Calabria, per non dimenticarlo....

Il Cane


Non si cura di chiedersi se abbiate torto o ragione, fortuna o no, se siete ricco o povero. Siete il suo compagno e cio gli basta. Egli sarà sempre accanto a voi per confortarvi, proteggervi e dare se occorre la sua vita. E' il cane.  J.K. Jerome

Foto Ancona