Tutte le Notizie

Caporalato in Vallesina, il 37enne è stato arrestato.Caporalato in Vallesina: arrestato dai carabinieri per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro 37enne pakistano da tempo in Italia, accusato di sfruttare come braccianti agricoli rifugiati politici e richiedenti asilo. Un vero e proprio sfruttamento perché i lavoratori, nove giovani tra i 20 e 25 anni tutti pakistani, utilizzati per lo più per la raccolta dell’uva vivevano in giacigli di fortuna, tra topi e immondizia, in due case diroccate una a Santa Maria Nuova l’altra a Staffolo, affittate dal pakistano titolare di una ditta individuale con sede legale a Santa Maria Nuova e trasformata abusivamente in vera e propria agenzia di lavoro.

Ora il pakistano che riforniva di manodopera due aziende agricole denunciate anch’esse per non aver accertato la regolarità delle maestranze ha beccato un sanzione di 14mila euro, si è visto sospesa l’attività e adesso rischia dai 5 agli 8 anni di reclusione.I rifugiati politici costretti a vivere in condizioni igieniche a dir poco precarie erano costretti a versare al pakistano anche vitto e alloggio per un totale di cento euro al mese. Secondo la ricostruzione dei militari della stazione di Staffolo, diretti dal luogotenente Pasquale Cerfolio e quelli del nucleo ispettorato del Lavoro di Ancona e della compagnia di Jesi venivano pagati, per lo più senza contratto né busta paga, non 9 euro come previsto dal contratto nazionale ma 7, di cui solo 5 finivano nelle tasche dei braccianti. Sequestrato il furgone utilizzato dal pakistano per trasportare i giovani suoi connazionali nei campi della Vallesina, lui è stato condotto dai militari al carcere di Montacuto a disposizione dell’autorità giudiziaria. Denunciato anche un 35enne pakistano accusato di essere suo collaboratore. La brillante operazione dei carabinieri, partita già l’anno scorso da alcune segnalazioni, fa emergere un fenomeno tanto preoccupante quanto nuovo per lo Jesino.
Fonte Resto Del Carlino

 

 

Disclaimer

Questo SITO non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo al 339.666.60.70 Saranno immediatamente rimossi.

D2R PLAYER

SHOUTCAST RADIO
RADIO SIBILLA
DISCOVERY 2 RADIO

CRT CASTELLANO

CRT RADIO LUNAROSSA

LAIKA 2 RADIO
CREATIVE COMMONS MUSIC
Scienza, Spazio,
Informazione, Tecnologia, Gruppo WHATSAPP 340.666.74.51

 
 

Segnalazioni


Siamo raggiungibili su WhatsAPP al numero 340.666.74.51 

Chi c'è online

Abbiamo 498 visitatori e nessun utente online

NOSTRI AMICI

DEDICATO AD ANGELO


Questo è il cane bellissimo Angelo, impiccato e preso a mazzate da 4 balordi in Calabria, per non dimenticarlo....

Il Cane


Non si cura di chiedersi se abbiate torto o ragione, fortuna o no, se siete ricco o povero. Siete il suo compagno e cio gli basta. Egli sarà sempre accanto a voi per confortarvi, proteggervi e dare se occorre la sua vita. E' il cane.  J.K. Jerome

Foto Ancona